Mag 09

Primaria e infanzia, ecco i regolamenti dei concorsi

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 105 del 7 maggio 2019 il decreto del Miur del 9 aprile 2019, relativo alle “Disposizioni concernenti il concorso per titoli ed esami per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno “, corredato dalle indicazioni per la formazione delle commissioni e dei requisiti per farne parte, nonché dalla tabella dei titoli valutabili.
Sono state dunque poste le premesse per l’emanazione dei bandi da parte del Ministro, anche se al momento non è possibile fare previsioni certe sui tempi . Come di consueto, prima della loro emanazione i bandi saranno oggetto di informativa alle organizzazioni sindacali.
Le modalità di svolgimento dei concorsi, indetti su base regionale con riferimento alla prevista effettiva disponibilità di posti, non si discostano sostanzialmente da quelle precedenti. Il percorso si articola in:

  • prove preselettive (solo nel caso in cui il numero dei candidati ecceda di oltre quattro volte i posti messi a concorso)
  • prova scritta costituita da due quesiti “aperti” e da un quesito (articolato in 8 domande a risposta chiusa) per la verifica delle conoscenze di lingua straniera
  • colloquio orale(per chi ha superato lo scritto)

Tutti gli altri allegati, relativi ai Programmi e alle griglie di valutazione  cui dovranno fare riferimento le commissioni esaminatrici, sono pubblicati sul sito del Ministero.

Apr 24

Intesa con il Governo, sospeso lo sciopero del 17 maggio

A seguito di una notte intera di confronto, a tratti serrato, oggi a palazzo Chigi le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del comparto istruzione e ricerca (FLC- Cgil, Cisl FSUR, Federazione UIL Scuola RUA , SNALS Confsal, Gilda-Unams) hanno sottoscritto un’intesa con il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e con il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.
Si è dunque rivelata utile e positiva la disponibilità, manifestata dal Presidente del Consiglio e dal Ministro dell’istruzione, al confronto con i sindacati della Scuola, dell’Università e AFAM e della Ricerca; è per questo auspicabile che lo svolgimento di corrette relazioni sindacali sia sempre più valorizzata come scelta di metodo permanente e ordinaria, non solo come risposta a iniziative di mobilitazione.
Nel merito, dopo che le organizzazioni sindacali hanno ribadito temi e obiettivi alla base della proclamazione dello sciopero, si è giunti alla definizione di un testo di possibile intesa che muove da una chiara e condivisa considerazione del ruolo assegnato alla scuola per garantire identità e unità culturale del Paese, anche attraverso l’unitarietà dello stato giuridico del personale, il valore nazionale dei contratti, un sistema nazionale di reclutamento del personale e le regole per il governo delle scuole autonome.
Per quanto riguarda il rinnovo del CCNL, il governo si è impegnato a stanziare risorse per il triennio 2019-21 per recuperare la perdita del potere d’acquisto degli stipendi dell’intero comparto. Entro il triennio di vigenza contrattuale saranno inoltre reperite ulteriori risorse destinate al personale della scuola per allineare gradualmente gli stipendi alla media di quelli degli altri Paesi europei.
Sul versante del contrasto alla precarietà, il governo si impegna ad attivare un piano di stabilizzazione del personale non di ruolo, con particolare attenzione ai docenti precari con tre anni di servizio, riconoscendone l’esperienza in tal modo maturata all’interno di un percorso riservato finalizzato alla immissione in ruolo, la cui definizione che sarà oggetto di discussione in sede di confronto tecnico. Un significativo passaggio dell’intesa riguarda la valorizzazione del personale ATA attraverso il riavvio della mobilità professionale a partire dagli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA.
Per i dirigenti scolastici, di cui l’intesa prevede il pieno riconoscimento del ruolo e delle connesse responsabilità, si conviene l’attivazione di un tavolo specifico che affronti le principali criticità denunciate in occasione della indizione dello sciopero.
Assumendo l’obiettivo di un forte rilancio dei settori della conoscenza come opportunità di crescita per lo sviluppo del Paese, l’intesa prevede per Università e Ricerca l’impegno del Governo a promuovere un intervento normativo per consentire maggiore flessibilità nell’utilizzo e nella determinazione dei fondi del salario accessorio. Per quanto attiene l’AFAM, si conviene di confermare e accelerare il processo di statizzazione già avviato. Previste inoltre azioni del governo volte al completamento del processo di stabilizzazione del personale precario degli enti di ricerca, un piano di stabilizzazione per iI personale che svolge attività di ricerca e didattica, nonché di assistenza tecnica e amministrativa, nelle Università.
Su tutte le questioni poste si è riscontrata la possibilità di una proficua riapertura del confronto con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca; a tal fine si è convenuto di attivare immediatamente tavoli tecnici di confronto attraverso i quali dare piena attuazione ai contenuti dell’intesa politica.
Lo sciopero del 17 maggio 2019 è pertanto sospeso, mentre sono confermate tutte le attività di raccolta delle firme a contrasto dei progetti di regionalizzazione del sistema dell’istruzione.

Apr 11

Aggiornamento delle Gae, resoconto dell’informativa al Miur

Si è svolto nel pomeriggio di ieri, 10 aprile, al MIUR l’incontro di informativa sull’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo per il triennio 2019/20-2020/21-2021/22. Il Decreto Ministeriale è ora all’esame del CSPI, che esprimerà il parere mercoledì 17 aprile. E’ quindi imminente la pubblicazione del decreto, che dovrebbe prevedere l’apertura delle funzioni dalla seconda metà di aprile con chiusura nella seconda metà di maggio.
Sono interessati a presentare domanda di aggiornamento quanti si trovano in una delle seguenti condizioni:

  • già inseriti in GAE e che chiedono l’aggiornamento del punteggio ovvero il cambio di Provincia
  • già inseriti in GAE e che devono confermare la propria posizione pena la cancellazione dalla graduatoria
  • depennati per  non aver prodotto domanda di aggiornamento nelle precedenti scadenze e che hanno titolo ad essere reinseriti visto l’andamento sempre favorevole dei ricorsi presentati
  • inseriti con riserva in attesa del conseguimento del titolo
  • inseriti con riserva per effetto di un contenzioso
  • aspiranti che intendono dichiarare il titolo di specializzazione sul sostegno

Il consueto aggiornamento annuale relativo allo scioglimento della riserva, alla dichiarazione del conseguimento del titolo di specializzazione sul sostegno, nonchè alla dichiarazione del diritto alla riserva dei posti di cui alla Legge 68, che di solito avveniva a metà luglio, quest’anno non sarà effettuato, in quanto per queste dichiarazioni valgono i termini di scadenza dell’aggiornamento stesso.
Non sono previste particolari novità se non la possibilità di aggiornare il punteggio per i servizi prestati nelle Sezioni Primavera per effetto del DM 335/2018.
Al termine dell’incontro la CISL Scuola ha richiesto un incontro urgente con la presenza della Direzione generale dei Sistemi Informativi per un confronto sulla tempistica di produzione delle graduatorie ad esaurimento e di istituto per evitare il ripetersi del caos registrato nel settembre scorso, in occasione delle nomine di supplenza. Si ricorda che ai sensi dell’art. 41 del nuovo CCNL, i contratti non possono più essere stipulati “fino all’arrivo dell’avente diritto” ed è necessario, quindi, mettere in campo tutti gli interventi gestionali utili a garantire un corretto avvio dell’anno scolastico evitando il “carosello” dei docenti.
Su tale richiesta, che ha visto il consenso di tutte le altre sigle sindacali, l’Amministrazione si è impegnata a dare rapido riscontro.

fonte: Cislscuola.it

Mar 14

Addio a Salvatore Salvione, padre del sindacato scuola della Cisl a Caserta

Con profonda tristezza comunichiamo la scomparsa di Salvatore Salvione, padre del sindacato scuola della Cisl in provincia di Caserta, già dirigente provinciale, regionale e nazionale, prima del SISM e poi della Cisl Scuola, presidente del Collegio nazionale dei sindaci.
Uomo di grandi capacità umane e sociali, non ha mai abbandonato i dirigenti casertani privandoli dei suoi preziosi consigli amicali e politici sempre illuminati dalla sua profonda Fede che gli ha fatto accettare e superare momenti terribili nella vita di una persona. La Cisl Scuola di Caserta abbraccia commossi e affranta i suoi familiari. Con lui se ne va un pezzo importante della Cisl Scuola di Caserta.
I funerali si terranno sabato, 16 marzo, alle ore 10 presso la Chiesa S. Ferdinando Re del Belvedere di San Leucio- Caserta.

Mar 11

Mobilità, le modalità di prenotazione per la consulenza presso la Cisl Scuola Caserta

Da oggi, lunedì 11 marzo, è possibile prenotarsi per la consulenza presso i nostri uffici, finalizzata alla presentazione delle domande di mobilità, telefonando al numero 0823329160 dalle 16.30 alle 19. Al momento della consulenza, sarà necessario avere con sé: credenziali istanze on line (username, password e codice personale) certificazione attestante le esigenze di famiglia, eventuale certificazione ai fini della legge 104 in file Pdf, l’allegato D con il servizio svolto. Tutti i file devono essere salvati su una pendrive da portare con sé il giorno dell’appuntamento. Per chi sia in servizio fuori provincia, occorre presentare anche una copia dell’ultima busta paga.

Feb 21

Specializzazioni sostegno, ecco la ripartizione dei posti. Preselettive il 28 e 29 marzo

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato il decreto di distribuzione alle Università dei 14.224 posti disponibili per l’anno accademico 2018/2019 per le specializzazioni sul sostegno. Il decreto individua anche le date delle prove di accesso ai corsi. Le prove si terranno: il 28 marzo di mattina per la Scuola dell’infanzia e di pomeriggio per la Scuola primaria, il 29 marzo di mattina per la Secondaria di I grado e di pomeriggio per la Scuola secondaria di II grado. Qui la tabella con la ripartizione dei posti.

Feb 14

Specializzazione sul sostegno, pubblicato il decreto del Miur

Sostegno, il Miur ha pubblicato il decreto n. 92/2019 con le disposizioni in vista dei percorsi di specializzazione. Per scaricare il decreto cliccare qui.

Feb 06

Autonomia differenziata, dura presa di posizione dei sindacati confederali Scuola

Dura presa di posizione dei sindacati confederali del comparto istruzione e ricerca (Flc CGIL, CISL FSUR, UIL Scuola RUA) che denunciano le gravi conseguenze legate al conferimento di maggiori poteri alle Regioni in materia di istruzione, come richiesto da alcune Regioni con le quali il Governo è in procinto di sottoscrivere le intese sulla concessione della cosiddetta “autonomia differenziata”.
Un percorso che i sindacati, rivolgendosi al Governo, alle Commissioni Istruzione di Camera e Senato e ai Presidenti delle due Camere, chiedono di bloccare, rivendicando come indispensabile un ampio confronto nelle aule Parlamentari e nel Paese per salvaguardare il sistema di istruzione unitario che sta a cuore all’intera comunità nazionale.
Quello che si ipotizza – scrivono Francesco Sinopoli, Maddalena Gissi e Giuseppe Turi –  non è un semplice decentramento amministrativo: siamo in realtà in presenza di un progetto di vera e propria devoluzione, che investirebbe in pieno il sistema scolastico del Paese, minando l’unità culturale della nazione, per dare vita a progetti formativi regionali e localistici ben al di là di quella giusta attenzione alle specificità territoriali che, già a sistema vigente, sono assicurati dall’autonomia scolastica prevista dalla stessa Costituzione“. Il venir meno del carattere unitario e nazionale del sistema d’istruzione sarebbe, secondo i segretari generali dei sindacati scuola confederali, un vero e proprio tradimento del lavoro che quotidianamente la scuola svolge per promuovere in ogni angolo d’Italia l’effettivo esercizio del diritto allo studio e rafforzare la coesione della comunità nazionale.

Gen 30

Integrazione graduatorie di istituto, ecco le istruzioni del Miur

Il Miur ha emanato la nota prot. n. 3934 del 29.1.2019 con la quale l’Amministrazione – trasmettendo il proprio decreto dipartimentale n. 73 del 28.1.2019 insieme alla relativa modulistica – detta le istruzioni operative concernenti

  • l’inserimento in II fascia aggiuntiva (“I soggetti che hanno acquisito il titolo di abilitazione per la scuola dell’infanzia e primaria e per la scuola secondaria di I e II grado entro il 1° febbraio 2019 possono richiedere l’inserimento nella II fascia delle relative graduatorie di istituto e sono collocati, in un elenco aggiuntivo alla graduatoria di inizio triennio”) – Utilizzare il “modello A3” che dovrà essere trasmesso entro il termine del 16 febbraio 2019, tramite raccomandata A/R, PEC o consegna a mano con rilascio di ricevuta ad una istituzione scolastica della provincia prescelta e secondo le modalità descritte all’art. 7, comma 1, lett. A) del D.M. 374/2017
  • la presentazione del titolo di specializzazione sul sostegno conseguito entro il 1° febbraio 2019 (“E’ consentito agli aspiranti che hanno conseguito il titolo di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità di inserirlo nelle graduatorie di istituto ove sono presenti, per l’attribuzione delle relative supplenze”) – Utilizzare il “modello A5” esclusivamente, in modalità telematica; il modello sarà disponibile sul portale POLIS del sito internet del Miur nel periodo compreso tra il 4 febbraio e il 22 febbraio 2019 (entro le ore 14.00)
  • il riconoscimento della priorità assoluta nell’attribuzione delle supplenze di III fascia (“Nelle more della costituzione triennale delle graduatorie di istituto e dell’apertura dei termini per la costituzione semestrale degli elenchi aggiuntivi … i soggetti inseriti nelle graduatorie della III fascia che acquisiscono il titolo di abilitazione possono presentare domanda di precedenza assoluta, nell’attribuzione delle supplenze da III fascia per le corrispettive classi di concorso”) – Le domande dovranno essere presentate – attraverso la compilazione “on line” del “modello A4” mediante le funzioni POLIS – all’istituzione scolastica capofila prescelta all’atto di inclusione in III fascia, scuola che avrà cura di prenderla tempestivamente in carico con le funzioni SIDI appositamente predisposte
  • la scelta delle sedi scolastiche che sarà effettuata telematicamente attraverso POLIS dal 25 febbraio al 15 marzo 2019 (entro le ore 14.00). Gli aspiranti già collocati per altri insegnamenti nelle graduatorie di I, II, e III fascia delle graduatorie di istituto e/o negli elenchi aggiuntivi alla II fascia relativi alle “finestre” precedenti, potranno sostituire, nella stessa provincia di iscrizione – esclusivamente per nuovi insegnamenti – una o più istituzioni scolastiche già espresse all’atto della domanda di inserimento.

Gen 21

Corso di preparazione al Concorso Dsga, iscrizioni entro il 1°febbraio

La Cisl Scuola di Caserta organizza, in collaborazione con l’Irsef-Irfed, il Corso di preparazione al concorso per Dsga, il cui bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 28 dicembre (le domande possono essere inviate fino al prossimo 28 gennaio).

Le attività formative sono riservate agli iscritti (o a chi intenda iscriversi) alla Cisl Scuola di Caserta ed articolate in 12 lezioni in programma presso il salone della Ust Cisl in via Ferrarecce a Caserta.

Coordinatore del corso è Salvatore Montesano, autore del manuale “Diventare Dsga”, guida puntuale e completa pensata proprio per chi si appresta ad affrontare il concorso.

Il costo di partecipazione è di 200 euro più, eventualmente, quello dell’iscrizione al sindacato.

L’iscrizione al corso si potrà perfezionare entro venerdì 1° Febbraio presso la sede della Cisl Scuola di Caserta, in via Ferrarecce 26*, versando il 50 per cento della quota prevista.

Il corso si terrà al raggiungimento di almeno 15 iscritti.

 

Maria Rosaria Manco

Segretario generale Cisl Scuola Caserta     

 

*Gli uffici della Cisl Scuola di Caserta sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 19. Per contatti chiamare allo 0823329160. 

Comunicato corso Dsga

 

Post precedenti «