nov 21

PERCHÉ SCIOPERIAMO IL 1° DICEMBRE UNA SCELTA DI CONTINUITÀ E COERENZA CON LA MOBILITAZIONE DEL LAVORO PUBBLICO

SCIOPERO2 pagina_0002

Trasmettiamo, in allegato, la lettera che il Segretario Generale della Cisl Scuola, Francesco Scrima, invia in data odierna alle delegate/i e alle iscritte/i per spiegare le ragioni dello sciopero della Scuola e di tutto il Pubblico Impiego indetto dalla Cisl per il prossimo 1° dicembre.

Il 1° dicembre le federazioni della scuola e del lavoro pubblico della CISL hanno indetto lo
sciopero per l’intera giornata, con le motivazioni e gli obiettivi su cui è stata condotta
la mobilitazione sfociata nella grande manifestazione dell’8 novembre a Roma.
Eravamo in tanti, quel giorno, a chiedere un segnale vero e concreto di attenzione, fatto di
scelte politiche precise, chiare e credibili nella prospettiva di:
• riconoscere il giusto valore al lavoro nella scuola e nei pubblici servizi, cui è legato
l’esercizio di fondamentali diritti di cittadinanza
• colmare il divario che separa l’Italia dagli altri Paesi quanto a investimenti in conoscenza
• considerare istruzione, formazione, università e ricerca come leve di crescita per
l’intero sistema paese e farne i driver dello sviluppo
• dare stabilità e certezze al lavoro, eliminando il ricorso abnorme a quello precario
Per il comparto scuola ribadivamo con forza richieste da tempo al centro della nostra iniziativa:
• salvaguardare gli scatti di anzianità, che rappresentano l’unico fattore di dinamica
salariale per il comparto, contrastando il tentativo di sottrarre alla contrattazione
temi fondamentali come le retribuzioni e le carriere del personale
• apertura di un confronto vero sulle tematiche dell’innovazione del sistema scolastico,
anche per chiedere cambiamenti rispetto alle proposte del piano Buona Scuola in
gran parte inaccettabili

scarica l’intero documento

SCIOPERO DEL 1° DICEMBRE
ADEMPIMENTI IN CASO DI SCIOPERO
Come già ricordato in precedenti occasioni di effettuazione di azioni di sciopero – e in riferimento a quesiti rivolti a questa Segreteria Nazionale sui comportamenti da tenere in tali occasioni – riproponiamo, in vista della giornata di mobilitazione del 1° dicembre, le seguenti indicazioni operative, pur nella consapevolezza della loro non esaustività di tutte le situazioni.
COMUNICAZIONE VOLONTARIA
L’allegato al CCNL 26.5.1999 – di attuazione della legge 146/1990, unica intesa attualmente vigente sulla garanzia dei servizi minimi essenziali nel Comparto Scuola – prescrive che in occasione dello sciopero i dirigenti scolastici debbano invitare il personale a rendere comunicazione volontaria circa l’adesione allo sciopero stesso, entro il quinto giorno (trattandosi di sciopero di più comparti) successivo alla comunicazione della proclamazione. La comunicazione è volontaria: il dirigente scolastico è tenuto a richiederla, ma il lavoratore non è obbligato a rispondere.

scarica l’intero documento

 

nov 21

Lettera della segretaria generale Annamaria Furlan sullo sciopero del 1° dicembre

sciopero furlan_0001

Agli amici della Scuola e del Pubblico Impiego

nov 20

CISL Scuola campania – comunicato stampa relativo al concorso DS

comunicato concorso DS

Pubblichiamo il comunicato stampa di Rosanna Colonna, Segretario Generale della Cisl Scuola Campania, relativo alla vicenda dei colleghi che hanno superato il concorso a posti di Dirigente scolastico nella nostra Regione. Tale vicenda si arricchisce ogni giorno di ulteriori aspetti penosamente dilatori e di singoli comunicati stampa che sono più uno “sfogatoio” che una produttiva richiesta di avere finalmente chiarezza e assunzione di responsabilità da parte dell’Amministrazione. 

Condividiamo, pertanto, la richiesta di Rosanna Colonna di una riunione del tavolo regionale di Area V, accolta dal Direttore Generale dell’Ufficio scolastico regionale, e convocata per il giorno 25 novembre p.v. 

E’ solo in questa sede “ufficiale”, infatti, che si possono verificare e verbalizzare le reali intenzioni dell’ Amministrazione scolastica e pretendere di conoscere, finalmente, la verità sullo stato dell’arte.

Solo in questo modo, infatti, possiamo tutelare veramente i colleghi in attesa di veder riconosciuto il proprio diritto a nomina, anche con ulteriori iniziative alla luce degli esiti della riunione.

F.to Rosaria Manco – Segr. Gen. Cisl Scuola Caserta

Concorso Dirigenti Scolastici

Comunicato stampa

Dopo nostre pressanti richieste, avanzate nella mattinata di oggi, abbiamo ricevuto dal Direttore Generale la convocazione di un tavolo di confronto con le O.O.S.S. – per il prossimo 25 novembre – per affrontare le problematiche dell’Area V e prioritariamente la “surreale” vicenda dell’ultimo concorso a dirigente scolastico.

L’annunciato differimento a dicembre della pubblicazione della graduatoria di merito, con il conseguente slittamento delle nomine degli aventi diritto a tempi imprecisati ed allo stato imprevedibili, determinano una situazione di evidente nocumento alle posizioni giuridiche cristallizzate dal superamento delle prove concorsuali.

Per questo motivo abbiamo interessato la Segreteria Nazionale Cisl-Scuola per un sollecito intervento  presso il Miur e, nel contempo, il nostro Ufficio Legale al fine di verificare la sussistenza di ogni cautela giudiziale.

 

Napoli, 20.11.2014

                                                                                                                                                                            

                                                                                                                        

 

nov 19

Cisl Lavoro Pubblico proclama sciopero il 1° dicembre

Pubblica Amministrazione, sciopero il 1° dicembre indetto dalla Cisl Lavoro Pubblico

Scrima: “Governo indifferente. Tutte le categorie dei servizi pubblici convergano su mobilitazione per contratti e welfare”

Roma, 19 novembre 2014

Il 1° dicembre i lavoratori dei servizi pubblici incroceranno le braccia, dando continuità alla mobilitazione e alla manifestazione dell’8 novembre scorso“. La decisione è stata annunciata da Francesco Scrima, coordinatore dalle categorie della Cisl Lavoro pubblico, che conferma “la richiesta alle federazioni di Cgil e Uil di convergere sulla data per un’azione che rappresenta la naturale prosecuzione dell’azione unitaria fin qui messa in atto“.

Lo sciopero, proclamato per l’intera giornata di lunedì 1° dicembre, interesserà sia i lavoratori pubblici, sia i lavoratori privati che lavorano per i servizi pubblici: “Andremo in piazza contro l’indifferenza del governo nazionale e di quelli regionali e locali a richieste sacrosante che riguardano lavoratori e cittadini: rinnovo dei contratti di lavoro, rilancio della contrattazione integrativa, riorganizzazione delle amministrazioni, dei corpi dello stato, innovazione vera nella scuola e nei servizi pubblici, certezze per i lavoratori precari e fine del dumping contrattuale nel privato“. Ma l’azione sulla quale la Cisl chiama a raccolta tutte le federazioni del lavoro pubblico non si ferma allo sciopero: “Da qui al 1° dicembre partirà una mobilitazione sociale in tutti i territori e i posti di lavoro: l’obiettivo è mettere il nostro welfare in condizioni di correre e di sostenere persone e comunità nel momento di maggior bisogno. Istruzione, salute, previdenza, assistenza, sicurezza, ricerca, servizi per l’occupazione… non si cambiano con annunci e consultazioni on-line. I lavoratori dei servizi pubblici sono i primi a volerli innovare davvero. E pretendono non solo rispetto e riconoscimento della loro dignità, ma anche di mettere le loro professionalità e competenze al servizio del cambiamento per il Paese“.

 

nov 18

PROCLAMAZIONE STATO DI AGITAZIONE

Proclamazione_stato_agitazione 2

In allegato la nota inviata questa mattina dalla Cisl Scuola; analoga nota è stata inviata dalle altre federazioni facenti capo al coordinamento CISL Lavoro Pubblico.

nov 18

Graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia del personale ATA: tempistica adempimenti

In allegato, l’AVVISO pubblicato nell’area INTRANET del MIUR il 14 novembre 2014, relativo all’aggiornamento dei termini del procedimento di acquisizione delle domande relative alle Graduatorie d’istituto di terza fascia del personale ATA al SIDI da parte delle Segreterie scolastiche.

Il nuovo termine di scadenza per l’acquisizione delle domande al SIDI è il 24 novembre.

TEMPISTICA_III_FASCIA_ATA_20141113

Si invitano coloro che hanno presentato la domanda per l’inserimento in graduatorie di istituto di III fascia Personale ATA a collegarsi alla propria area riservata di Istanze online per verificare la regolarità del punteggio, dell’allegato D3 e della posizione in graduatoria a partire dal 5 dicembre 2014.

nov 17

Avviso urgente: TFA II Ciclo

AVVISO

Si invitano i candidati alle prove scritte ed orali per il TFA II ciclo a consultare i siti degli atenei o delle istituzioni
AFAM scelti come prima sede per il completamento della procedura di iscrizione con il pagamento del contributo previsto.

nov 17

TFA SOSTEGNO: AVVIATE LE PROCEDURE PER L’ATTIVAZIONE DEI CORSI PER I 6.630 POSTI DEL SECONDO CICLO

TFA SOSTEGNO: AVVIATE LE PROCEDURE PER L’ATTIVAZIONE DEI CORSI PER I 6.630 POSTI DEL SECONDO CICLO

Con il DM 832 del 10/11/2014 sono state definite le procedure per l’avvio dei percorsi di specializzazione per il sostegno. Di seguito una sintesi del provvedimento.

- Le offerte formative presentate dalle diverse università per i percorsi di specializzazione sul sostegno sono trasmesse alla Direzione generale per il personale scolastico per il successivo inoltro agli Uffici scolastici regionali a cui compete, tenendo conto delle necessità di personale specializzato, l’individuazione dei contingenti distinti tra i vari gradi di scuola

- L’istituzione dei corsi, anche in modalità interateneo, è subordinata al parere favorevole del Comitato regionale di coordinamento che d’intesa con il Direttore dell’USR valuta la coerenza della proposta con il D.M. n. 249/2010 e con il D.M. 30 settembre 2011

- I Comitati procedono ad allineare l’offerta formativa ai contingenti e alla suddivisione per gradi di scuola disposta dagli USR e trasmettono la delibera alla Direzione generale del personale scolastico per l’emanazione del decreto del Ministro che autorizza l’attivazione dei percorsi

- E’ confermata la distinzione dei percorsi tra scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado

- Sono ammessi in soprannumero i candidati inseriti nelle graduatorie di merito del I ciclo dei percorsi di specializzazione sul sostegno che non si sono collocati in posizione utile per la frequenza

- Coloro che, per qualsiasi motivo, hanno sospeso la frequenza del corso possono riprenderla in un ciclo successivo col riconoscimento dei crediti già acquisiti

Ricordiamo che il DM 30/09/2011 prevede che le modalità di iscrizione ai corsi, riservati ai docenti abilitati – ivi compresi i diplomati delle scuole e istituti magistrali entro l’a.s. 2000/2001 – sono definite dalle singole università che predisporranno le prove di accesso (test preliminare, una o più prove scritte o pratiche, prova orale). E’ prevista la valutazione di titoli culturali e professionali posseduti.

In allegato inviamo, per completezza di informazione, l’allegato B relativo al contingente complessivo dei posti e il DM 30/09/2011.

DM n. 832-2014 TFA SOSTEGNO

DM-30-9-2011-formazione-iniziale-sostegno

TFA2_Sostegno_Allegato_B

Sotto i Link delle Università che hanno già pubblicato i bandi per TFA Sostegno:

Università degli Studi di Udine

Università Macerata Urbino

Università di Firenze

Università di Pisa

Università di Siena

 

 

nov 14

Esiti manifestazione del 8 novembre

Volantino_convocazione_governo

“Grazie alla nostra mobilitazione ora il governo comincia a sentirci”, così Francesco
Scrima, coordinatore di Cisl Lavoro pubblico, dopo la notizia della convocazione da
parte dell’esecutivo. “Lunedì chiederemo il tavolo sui rinnovi e le risorse per i contratti, o
siamo pronti a dare battaglia”.
“L’incontro convocato per lunedì 17 a Palazzo Chigi è solo il primo esito delle pressioni
messe in atto nelle ultime settimane e della grande riuscita della manifestazione dell’8
novembre. Una grande manifestazione unitaria – prosegue Scrima – che nessuno ha il
diritto di prendere a pretesto per iniziative e protagonismi di sigla”.
“L’obiettivo della nostra azione era e resta quello di ottenere risposte precise e puntuali
su richieste altrettanto chiare, come lo è quella di avere risorse per rinnovare i contratti:
una rivendicazione condotta in termini di rigorosa coerenza sul piano sindacale, senza
alcuna interferenza con dinamiche di natura politica estranee al modo di essere e fare
sindacato della Cisl. Dall’esito dell’incontro di lunedì 17 – conclude Scrima –
dipenderanno le decisioni su come proseguire e intensicare la nostra mobilitazione,
come aermato anche nell’intervento della segretaria generale Annamaria Furlan nella
manifestazione in piazza del Popolo”.

nov 14

INDENNITA’DI REGGENZA AI DSGA INCARICATI SU SCUOLE SOTTODIMENSIONATE

sottoscrizione CCNL DSGA

Trasmettiamo, in allegato, il CCNL sottoscritto il 10 novembre 2014 per il riconoscimento ai direttori dei servizi generali ed amministrativi dell’indennità di cui all’art. 19, comma 5-bis, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n.111, come integrato dall’art. 4, comma 70, della legge 12 novembre 2011, n. 183.

 

Il CCNL  fa seguito  all’Ipotesi  sottoscritta  all’ARAN in data  4 luglio 2014, della sequenza contrattuale che ha definito  l’indennità da corrispondere ai DSGA che sono stati incaricati su una scuola sottodimensionata nell’anno 2013/2014 e 2014/2015

Post precedenti «